I recenti fatti di Monaco hanno spinto un’emittente tedesca a sospendere, almeno temporaneamente, la trasmissione della competizione di CS:GO.

Il canale ProSieben MAXX ha confermato di aver eliminato dal palinsesto la diretta dell’ELEAGUE, una delle competizioni eSportive più seguite del momento, in relazione ai recenti tragici avvenimenti di Monaco che hanno visto il diciottenne David Ali Sonboly uccidere nove persone. I media hanno descritto Sonboly come un appassionato di videogiochi violenti, di cui Counter-Strike, nelle sue varie versioni, ne è un esempio. Primo a puntare il dito è stato Robert Heimberger, presidente dell’LKA – Landeskriminalamt, un organo giudiziario direttamente collegato al Ministero dell’Interno tedesco: “CS è giocato da ogni aspirante killer.

Un’affermazione che non passa inosservata. D’altronde la Germania, come ricorda il DailyDot, ha una lunga tradizione nel rimuovere alcune sezioni dei videogiochi a causa di contenuti ritenuti non adatti. Le stesse animazioni di morte di Counter-Strike sono state modificate appositamente affinché i personaggi diano l’impressione di arrendersi piuttosto che morire. Anche Grand Theft Auto e South Park: The Stick of Truth hanno subito diversi cambiamenti prima di poter essere distribuiti nel mercato tedesco. Altri non riescono a passare il controllo definitivo, come Mortal Kombat, su altri titoli è necessario eliminare qualsiasi visione di sangue per poter essere ammessi. Anche Richard Lewis, ospite e commentatore dell’ELEAGUE, seppur in disaccordo con la decisione afferma di non condannarla, conscio di quanto profondamente l’eccidio di Monaco abbia segnato l’opinione pubblica e, in particolare, le famiglie direttamente colpite dal lutto.

Ancora una volta i videogiochi sono considerati il capro espiatorio di una società che non riesce ad ammettere che possano esistere soggetti violenti indipendentemente dai gusti videoludici. Siamo davvero sicuri che, se Sonboly non avesse passato alcune ore al giorno su Counter-Strike, non avrebbe compiuto la strage di Monaco?

APH Gaming ASD si unisce al dolore dei familiari delle vittime di ogni strage, che avvenga in Europa, in Medio Oriente, Africa o qualsiasi altra parte del mondo, senza nessuna distinzione.

A cura di Francesco “Deugemo” Lombardo


Per saperne di più