Nuova collaborazione HyperX: APH intervista Lyvane!

intervista curata e realizzata da Francesco “Deugemo” Lombardo

Ultimo appuntamento di maggio con le interviste ai nostri associati. Come promesso è stato un mese dedicato alle donne: abbiamo iniziato con Crocchettaa e proseguito con Rykkuchan. D’obbligo, quindi, terminare con un’altra lady: vi presentiamo oggi Melania Sanders, conosciuta al pubblico come Lyvane. Freschissima fruitrice della partnership con HyperX, conosciamo meglio la nostra associata.Ciao Melania, prima di tutto parlaci di te. Quanti anni hai, di dove sei e quali attività svolgi oltre lo streaming.L: Ciao a tutti. Ho 26 anni e sono di Napoli. Diplomata in Graphic Design all’Accademia di Belle Arti, attualmente svolgo lavoro come freelance grafico e videomaker, nel tempo libero continuo a studiare da autodidatta per ampliare le mie conoscenze e tenermi sempre aggiornata sul campo gafico.Com’è essere una graphic designer nel 2016 in un mondo dove quasi ogni contenuto è digitale?L: Si tratta indubbiamente di una lama a doppio taglio. Il lato positivo è che tutto questo sposa bene con quelli che sono i miei interessi e mi sprona ogni giorno ad acquisire nuove abilità e nuove competenze. D’altro canto, però, c’è da dire che in un mondo dove ogni contenuto è digitale la figura del graphic designer finisce col perdere un po’ di valore e il ruolo viene svalutato. Proprio per questo motivo è importante, per me, tenermi aggiornata e in costante “apprendimento” per migliorarmi.In che modo la tua specializzazione si intreccia con l’attività di streaming? Ti ha aiutata in qualche modo?L: Essere una Graphic Designer mi ha aiutata tanto con l’attività di streaming: tutte le grafiche presenti nei miei profili social e sul canale Twitch sono interamente realizzate da me in ogni minimo dettaglio. Overlay, banner, video di intro e outro e addirittura gif negli alert. E’ un lavoro costante, mi preoccupo di rendere sempre più godibile l’esperienza dello streaming, anche dal punto di vista grafico/estetico, ed è un qualcosa che mi da molta soddisfazione.Quali titoli preferisci condividere in streaming? E quali sono, invece, i più richiesti dal tuo pubblico?L: Amo condividere in streaming giochi che hanno una trama ben costruita e articolata, mi piace tantissimo l’idea di poter condividere quelle che sono le mie impressioni/pensieri/reazioni di fronte ad un buon prodotto videoludico, ma soprattutto riuscire ad avere un confronto con chi mi segue. Gioco di tutto e ho proposto tantissimi generi differenti nelle mie live: survival horror, action, rpg, roguelike, adventure, fps, puzzle game, gestionali ecc.. Vecchi e nuovi titoli, per scoprire e ri-scoprire quelle che vengono considerate piccole perle del panorama videoludico. La fantastica community che si sta creando, e che mi segue costantemente, si è dimostrata aperta a tutti questi generi, sostenendomi ad ogni singola live. Probabilmente i titoli più richiesti da loro sono quelli appartenenti al genere Horror (amano vedermi spaventare).Da dove nasce la tua passione per lo streaming? Qual è la tua personale idea di streaming, ovvero: cosa significa per te condurre questa attività?L: La mia passione per lo streaming nasce dall’amore che nutro per i videogiochi. Gioco sin da quando ero piccola e avere ora la possibilità di condividere quelle che sono le mie passioni e le mie esperienze di gioco rendono lo streaming un’attività meravigliosa, utile per potermi rapportare a tante persone, con pareri ed esperienze diverse dalle mie. Per me fare streaming non è soltanto mettere in mostra quelle che sono le mie reazioni o abilità di gioco, ma offrire un vero e proprio intrattenimento facendo sentire ogni membro della community parte di una famiglia. Ciò che reputo fantastico nelle live è il continuo rapporto dare-avere, uno scambio reciproco. Mi sprona ad impegnarmi ogni giorno per rendere sempre migliore l’esperienza di streaming. E’ sicuramente qualcosa a cui non vorrei rinunciare ma, anzi, investire sempre di più.Il mondo dei videogame sembra apparentemente di dominio maschile ma scavando a fondo ben il 42% di videogiocatori è di sesso femminile. E’ una statistica che rispecchia la tua esperienza oppure la pensavi diversamente a riguardo?L: Fino a qualche anno fa credevo che la percentuale di videogiocatori di sesso femminile fosse minore ma, con molto piacere, ora vedo il contrario. Lo stereotipo del videogiocatore di sesso maschile è un qualcosa di superato (fortunatamente) e anche sulla piattaforma di streaming ho potuto notare parecchie donne, come me, cimentarsi in questa esperienza. Purtroppo c’è ancora chi lo ritiene un qualcosa di adatto a soli uomini ma si tratta ormai solo di pregiudizi superati e la percentuale è infima.Quali consigli daresti a una donna che vorrebbe intraprendere l’attività di streaming?L: Sicuramente consiglierei loro di essere sempre se stesse e divertirsi in modo pulito e consono all’ambiente di Twitch. Non creare “personaggi” fittizi, alla lunga stuferebbero e renderebbero tutto troppo forzato. Ignorare totalmente quelli che saranno eventuali flames e godersi pienamente quella che è l’esperienza di gioco e della condivisione live con un pubblico. Quando sei entrata in APH? Come mai l’hai scelta?L: Sono entrata in APH a Marzo di quest anno. Mi era stata consigliata da soci APH pienamente soddisfatti del servizio e della communty. Dopo aver parlato personalmente con i rappresentanti ho deciso di far parte anche io di questa enorme famiglia che sostiene ogni suo membro con tutto l’impegno possibile. Pensi che APH fornisca un servizio sufficiente per gli streamer con grafiche, supporto e pubblicità sui social?L: Credo che APH fornisca un enorme aiuto per gli streamer, mettendo a disposizione grafiche, supporto e pubblicità sui social. Non solo: il costante impegno dei responsabili nell’organizzazione di continui eventi ed attività aiuta la crescita dei canali e rafforza, senza ombra di dubbio, quelli che sono i rapporti tra gli streamer. Ne approfitto per ringraziarti per l’intervista e ringrazio APH Gaming ASD per tutto l’impegno e il supporto dimostratomi finora.Un ringraziamento sincero e di cuore va ovviamente anche a HyperX che ha creduto in me e che mi sosterrà nei prossimi mesi con una nuova partnership. Sono certa che ripagherò in toto la fiducia accordatami.Per chi ancora non ti conoscesse: in quali orari possiamo trovarti in streaming?L: Sono live tutte le sere dalle 21:45, tranne il sabato. Ed occasionalmente con streaming pomeridiani dalle ore 15:00.Ringraziamo ancora una volta Melania per averci dedicato parte del suo tempo e le auguriamo buona fortuna per il futuro, in particolare per la nuova partnership ottenuta con HyperX che noi di APH Gaming ASD continuiamo a ringraziare per il costante e continuo supporto ai nostri associati.
Per saperne di più su Lyvane
 
Leggi di più...